LETTERA AI MIEI AMICI 

Carissimi amici che mi seguite sul blog, mi devo scusare per questa mia latitanza, ma è stata un’estate veramente complicata e faticosa, ho dovuto rinunciare alla mia passione per la cucina per dedicarmi completamente al lavoro, vi racconto in breve cosa è successo visto che molti pensano ad una mia malattia visto l’abbandono del blog e la pubblicazione di vecchie ricette, è stato un mio amico che mi ha consigliato di farlo per rispetto verso di voi Io da anni lavoro in un ristorante pizzeria e mi occupo della gestione della sala e preparo i dolci, pasta ecc… un lavoro che già mi occupava parecchio, a luglio il mio datore di lavoro e amico è stato ricoverato in gravissime condizioni in ospedale dopo aver subito due difficilissimi interventi, ho dovuto decidere in un giorno se chiudere il locale e mandare a casa tutto il personale o rimboccarmi le maniche e buttarmi a capofitto in questo deliro, lavoro, ordini, contabilità riorganizzazione della cucina e del personale, un’ impresa titanica, considerando i moltissimi turisti presenti, ma devo dire che nonostante la grande stanchezza, le ore di sonno perse è stata una vittoria personale il fatto di essere arrivata quasi alla fine e poter dire c’è l’ho fatta e alla grande!!!!!  Sentir dire dai clienti e dai miei familiari che  ho  fatto una cosa grande lasciatemelo dire mi riempie di orgoglio, detto questo conto prestissimo di riuscire a pubblicare nuove ricette , voi aspettatemi e continuate a seguirmi, un abbraccio a tutti e a presto!!!😘😘😘😘😘😘😘😘

BURRATA CON TIGELLE FARCITE SU LETTO DI MISTICANZA

Un’idea per una cena o pranzo veloce,  l’importante é utilizzare prodotti di qualità, la farcitura delle Tigelle potete variarla a vostro piacere, io ho riciclato qualche avanzo che avevo in frigorifero, un titolo lugo per una ricettina facile facile!!!!

INGREDIENTI PER 2 PERSONE

1 burrata 

Tigelle (se volete prepararle oppure si trovano in tutti i supermercati)

2 uova

2 cucchiai di parmigiano grattugiato

3/4 asparagi lessati

Pomodorini confit (o secchi sott’olio)

Olive nere (due cucchiai)

Insalata fresca ( misticanza)

Sale, pepe

Olio extravergine

Scolo la burrata dal liquido e la appoggio su un foglio di carta assorbente, meglio toglierla dal frigorifero almeno due ore prima, non va servita fredda se volete assaporare appieno il gusto

Rompo le uova in una ciotola aggiungo il parmigiano, sale, pepe 

Sbatto leggermente con la forchetta

Scaldo un pentolino con un filo di olio, aggiungo l’uovo e mescolo facendo delle uova strapazzate

Trito grossolanamente gli asparagi lessati e li condisco con olio pepe e sale

Trito anche i pomodorini e le olive e tengo da parte

Condisco la misticanza e la dispongo sul fondo del piatto di portatata e appoggio la burrata

Scaldo sopra una griglia o nel tostapane le tigelle

Le farcisco con i vari ingredienti e le dispongo intorno alla burrata

Condisco con pepe e un filo di olio, al momento di servirle taglio la burrata e condisco leggermente

Preparate altre Tigelle calde e vuote, vedrete che le gradiranno, un piatto semplice ma gustoso, potente farcire le Tigelle con tonno, capperi, pomodoro fresco, acciughe, ecc….. 

CAVATELLI AL NERO DI SEPPIA CON SEPPIE POMODORINI FOGLIE E POLVERE DI CAPPERI DEL GARDA

  Ecco un gustoso sugo per i cavatelli preparati con la mia “LITTLE MAMA”

INGREDIENTI PER 6  PERSONE

900 gr di cavatelli al nero di seppia (vedi ricetta sul blog)

18 seppie piccole 

18 pomodorini

3 cucchiai di salsa al basilico 

3 cucchiaio di prezzemolo tritato

Olio extravergine del Garda

Olio piccante

Foglie di  cappero marinate del Garda

 Polvere di capperi del Garda

Aglio tritato

Sale

Pepe 

 Pulisco le seppie, tolgo le parti dure e le taglio a striscioline 

 Taglio i pomodorini a pezzetti piccoli 

 In una padella verso dell’olio extravergine e aggiungo mezzo cucchiaino di aglio tritato e li scaldo bene

 Verso le seppie e i pomodorini facendoli saltare a fuoco vivace per 2/3 minuti, una cottura molto veloce 

Aggiungo sale e pepe 

 Tolgo  alcune foglie di cappero dalla marinata ( io utilizzo i prodotti dell’Azienda agricola biologica di Giacomini Valerio) di Gargnano sul Garda 

 Le taglio a striscioline sottili 

Intanto porto a bollore acqua salata e cuocio i cavatelli 

 Aggingo la pasta al sugo

 Unisco le figlie di cappero 

 Aggiungo 2 cucchiai di salsa al basilico che ho ottenuto frullando del basilico con olio extravergine 

 Unisco il prezzemolo tritato 

 Verso qualche cucchiaio di acqua della pasta

 Se vi piace mettete dell’olio piccante 

 Manteco per alcuni minuti la pasta 

 La dispongo nel piatto aggiungendo della polvere di cappero  

   

CAVATELLI AL NERO DI SEPPIA (BASE)

  Da quando ho questa nuova macchinetta di “MAMMAMIA” la produzione di CAVATELLI prosegue alla grande, facile da utilizzare e veloce, mi piace sperimentare nuove ricette, qui la base, nel prossimo articolo vi darò la ricetta con un ottimo sugo

INGREDIENTI per 6 persone

400 gr di farina 00

400 gr di farina di semola

400 gr di acqua calda

12 gr di sale

2 bustine o 2 vesciche di nero di seppia

  Io ho impastato nella planetaria con il gancio ma potete tranquillamente preparare la classica fontana inserendo l’acqua e impastando a mano, nel cestello della planetaria inserisco le due farine 

 In una ciotola verso l’acqua calda e sciolgo il nero di seppia 

 Lo sciolgo bene con una frustina e aggiungo anche il sale 

 Li verso sulle farine 

 Inizio ad impastare per circa 10 minuti 

 Quando l’impasto è ben amalgamato lo tolgo dall’impastatrice 

 Lo lavoro sulla spianatoia tirandolo e battendolo finchè risulta elastico 

 A questo punto formo una palla 

 La avvolgo nella pellicola e lascio riposare per almeno mezz’ora 

 Trascorso il tempo di riposo riprendo l’impasto e taglio dei piccoli pezzi tenendo coperto il resto dell’impasto 

 Formo dei cordoncini del diametro di un cm 

 Prendo un rotolino e lo infilo nella macchinetta io ho la “LITTLEMAMA” 

 Infarino con la semola il piano di lavoro, giro la manovella  e a poco a poco scenderanno i cavatelli 

 Ricopro una placca con un canovaccio di cotone, lo infarino leggermente e distendo i cavateli ad asciugare 

 Con questa dose ho preparato due placche da forno di cavatelli  

 Adesso non mi resta che preparare un ottimo sugo, la ricetta la troverete sul blog, se proprio non avete la macchinetta che vi consiglio fortemente, (io l’ho acquistata via internet) guardate la ricetta “cavatelli di semola “dove vi mostro come prepararli a mano

 

Analisi del 2015

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog.

Ecco un estratto:

Il Museo del Louvre riceve 8,5 milioni di visitatori ogni anno. Questo blog è stato visto circa 130.000 volte nel 2015. Se fosse un’esposizione al Louvre, ci vorrebbero circa 6 giorni perché lo vedessero altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.